31 dicembre 2006

Buon 2007!

Allora, ci siamo quasi: ovunque voi siate, e qualunque cosa farete stasera, buon anno a tutti! Sarò retorico, ma spero che sia felice, pieno di salute e di serenità per voi e per tutte le persone a cui volete bene, e che ve ne vogliono!

E se avete tempo di stare davanti a un computer intorno alla mezzanotte, date un'occhiata ai festeggiamenti che si svolgeranno in una delle piazze più famose del mondo: Times Square, a New York. Viene proprio voglia di essere lì... sigh... :)

Il piacere dello sbadiglio

Un articolo pubblicato giovedì scorso sul Corriere della Sera riporta il pensiero di un professore ordinario di psicologia generale a Firenze, che afferma che sbadigliare procura un benessere paragonabile a quello dell'orgasmo. Il professore cita anche una ricerca condotta da un professore di psicologia dell'università del Maryland, secondo cui lo sbadiglio è a 8,5 punti in una scala che misura il piacere da 1 a 10.

Lo sbadiglio, riporta l'articolo, è un comportamento comune presente in molti vertebrati come pesci, topi e lucertole, ma anche in uccelli e rettili, nelle scimmie e in molti mammiferi. Ma solo per gli esseri umani si è riusciti a dimostrare che sbadigliare è contagioso. Vari studi dimostrano che la causa per cui ci si lascia contagiare da uno sbadiglio è la stessa che porta a condividere le emozioni con gli altri: dipenderebbe di neuroni specchio, di recente scoperta.

Si è scoperto inoltre che gli uomini iniziano a sbadigliare prima ancora di nascere, già alla 12esima settimana neonatale, e che il momento in cui si sbadiglia con maggior frequenza è attorno alle 23 (sarà, ma io a quell'ora di solito ronfo alla grande già da un pò! :))

25 dicembre 2006

Buon Natale!

19 dicembre 2006

Di che musica sei?

Segnalo velocemente Musicovery, un sito che, contrariamente alle solite radio online, permette di adattare la musica da ascoltare al proprio umore. E così se ci sentiamo calmi e tranquilli ci verranno proposti dei brani rilassanti, mentre se abbiamo bisogno di qualcosa di energetico ecco che arriverà una selezione di brani scatenati e ritmati.

E se non siamo ancora soddisfatti, possiamo scegliere, sempre con gli stessi criteri, musica del genere che preferiamo, tra i tanti elencati sul sito: dal rock al rhythm'n'blues, dal jazz al pop, dalla world music alla classica. Ce n'è davvero per tutti i gusti!

Regali in anticipo

Quest'anno il regalo di natale della mia metà l'ho avuto con un pò in anticipo, così ho già avuto il tempo di godermelo: è una Axiom 61 della M-Audio, tastera "muta", o master keyboard come direbbero quelli che masticano le lingue. :)

Ossia, una tastiera che si collega al pc tramite porta usb o cavo midi, e permette di suonare utilizzando un sequencer midi, o qualunque programma che emula un sintetizzatore e trasforma il computer in una "macchina sonora", capace di produrre suoni e musica. Alcuni di questi programmi, come quelli, splendidi davvero, della Native Instruments permettono di raggiungere dei risultati degni di una sala d'incisione, anche se non sono proprio alla portata di un principiante come il sottoscritto. Ma piano piano... :)

Piccola novità

Piccola novità sul mio blog: ho aggiunto un player, preso da questo sito, così posso far ascoltare ai miei visitatori un pò di musica mentre leggono quello che mi passa per la testa. :)

Unico problema: l'ho messo un pò di corsa, e se con Firefox mi pare che funzioni egregiamente, con Explorer la musica parte, ma il player e i relativi controlli non si vedono, almeno sul mio pc. :( Dovrò smanettarci un pò...

10 dicembre 2006

Santa Claus is coming to town

Come sempre, cliccare sulla foto per vederla più grande.

Zio Bill, sei sempre lo stesso!

Microsoft non finirà mai di stupirmi: oggi, cercando un modo per "montare" un'immagine iso senza ricorrere a software come i ben noti Alcohol 120% o Daemon Tools, mi sono imbattuto in questo articolo, che descrive come adoperare una piccola utility della casa di zio Bill chiamata Virtual CD-ROM Control Panel, assolutamente free ed altrettanto non documentata. :)

Tra l'altro non necessita di alcuna installazione: basta copiare un file .sys in una cartella e lanciare l'eseguibile, ossia il pannello di controllo. E come se non bastasse non supporta solo immagini iso, ma anche i formati udf, cdfs, jo e rock, il tutto in soli 60 KByte!

03 dicembre 2006

Patchwork senz'ago

Uno degli hobby a cui la mia metà si dedica da un pò di tempo è il patchwork senz'ago, che consiste nel decorare, usando varie tecniche, degli oggetti di polistirolo con stoffe colorate.

La particolarità del patchwork senz'ago è appunto data dal fatto che la stoffa non viene cucita sull'oggetto, ma ne vengono inseriti i lembi all'interno di piccole incisioni praticate sull'oggetto stesso. Si lavora con un coltellino che ha l'aspetto di un piccolo bisturi, che ha la duplice funzione di incidere il materiale e di permettere di inserire la stoffa nelle fessure.

Sì, ci vuole tanta pazienza, ma alla fine, se si ha la necessaria abilità manuale, si possono ottenere degli splendidi risultati come quelli rappresentati nell'immagine qui accanto (come sempre cliccate per ingrandirla)!

Dalla teoria alla pratica

Dopo averne pubblicato la ricetta, ecco qui il risultato del lavoro della mia metà! Come dite? Ah sì, è vero, ci manca una fettina, ma non siamo riusciti a resistere alla tentazione di assaggiarla prima di fare la foto! :)

Inutile dire che l'immagine (che potete vedere ingrandita cliccandoci sopra) non rende assolutamente giustizia al sapore e al profumo...!

E voi, cari lettori, avete mai provato a cucinare qualcosa? O come il sottoscritto non andate molto oltre il classico piatto di spaghetti? Se sì, qual è il vostro piatto forte?

02 dicembre 2006

La sbrisolona

Amici del blog, questo è un post potenzialmente nocivo per chi sta seguendo una dieta, o comunque un regime alimentare povero di calorie: astenetevi dunque dal proseguire la lettura!

Se invece la bilancia non è la vostra ossessione continuate pure, e scoprirete, se già non la conoscete, una vera delizia: la sbrisolona!

Dolce della tradizione mantovana, nato sulle tavole dei contadini e realizzato con ingredienti "poveri" come farina gialla, nocciole e strutto, ingredienti che sono stati poi sostituiti nel tempo da farina bianca, mandorle e burro, facendo apprezzare questa torta anche ai palati più raffinati.

Per chi si volesse cimentare ai fornelli, ecco la ricetta:

Ingredienti per 6 persone
250 grammi di farina bianca
200 grammi di farina gialla
1 bustina di vanillina
200 grammi di zucchero
la scorza di mezzo limone
200 grammi di burro
250 grammi di mandorle dolci spellate
2 tuorli
1 bicchierino di liquore al mandarino
1 cucchiaio di pangrattato
50 grammi zucchero al velo

Preparazione
Lasciare ammorbidire il burro a pezzetti fuori dal frigorifero a temperatura ambiente e tritate le mandorle, che non dovranno avere nessuna pellicina.
Versate le due farine e la vanillina in un recipiente piuttosto capiente. Aggiungete la scorza di limone grattugiata, lo zucchero e le mandorle. Unite il liquore, i tuorli e il burro.

Lavorate l'impasto con le mani per amalgamarlo ma, a differenza di quanto si fa usualmente, non cercate di renderlo liscio e omogeneo: dovrà rimanere discontinuo e si dovranno sentire i grumi.
Ungete una tortiera con i bordi bassi, spolverizzatela di pangrattato e sistematevi l'impasto quasi sbriciolato. Cuocete per 1 ora in forno caldo.

Levate subito la torta dalla tortiera, spolverizzatela con zucchero a velo e servitela fredda.

PS: Buon appetito! :)

27 novembre 2006

Linea telefonica, pubblicità inclusa

Stasera, appena arrivato a casa, noto che sul telefono lampeggia il led delle chiamate perse. Strano, penso: abbiamo fatto installare la linea fissa da pochissimo, e per ora il numero l'abbiamo dato solo ai nostri parenti più stretti. Non siamo registrati neanche su Pagine Bianche ancora, ho verificato poco fa.

Controllo il numero del chiamante: dal prefisso vedo che è di Roma, ma non mi sembra di conoscerlo. Provo a chiamarlo, e mi risponde la vocina di un'operatrice di un call center di Fastweb! Neanche il tempo di spiegare il motivo della mia telefonata che la tipa comincia a propinarmi la tiritera delle nuove offerte di Fastweb bla bla bla... Al che taglio corto dicendole che non sono interessato, e riattacco.

Ora, mi chiedo: come cavolo fanno ad avere il numero? E nella mia mente si insinua un sospetto... Non sarà che Telecom vende i nominativi dei nuovi abbonati ad altre aziende, che li acquistano per poi bombardarli di pubblicità? E se è così, a quante lo avrà dato? E soprattutto, è legale tutto ciò?

23 novembre 2006

Piccoli miracoli

Siamo talmente abituati a tasse e balzelli di ogni tipo che le rare volte in cui riceviamo qualcosa anzichè pagare rappresentano un evento. A me è accaduto qualche giorno fa, e non potevo esimermi dal documentare l'accaduto! :)

Nella foto (che potete vedere in un formato leggibile cliccandoci sopra) c'è la lettera che mi è arrivata. Lettera che tra l'altro mi comunicava -- cosa che rasenta l'incredibile -- che per riscuotere la somma non avrei dovuto recarmi in chissà quale luogo sperduto, ma che potevo comodamente andare in un qualsiasi ufficio postale!

Beh, che dire... a volte i miracoli, magari piccoli come questo, accadono!

19 novembre 2006

Indumento vecchio...

Ieri, mentre cercavo qualcosa da mettere per casa, sul fondo di un armadio, seppellita sotto una pila di altri indumenti, ho ritrovato una felpa che non mettevo da... da quando? Da quando mi sono sposato, credo. L'ho portata con me quando mi sono trasferito dalla casa dei miei genitori, ma essendo un pò vecchia non l'ho mai più indossata.

Però guardandola non è poi messa così male, nonostante tutti i lavaggi che ha subito. Perchè l'ho comprata quando frequentavo le superiori, e quindi ha una ventina d'anni, giorno più giorno meno. :)

E voi, qual'è il capo più vecchio che avete, e che mettete ancora? Lo avete tenuto perchè vi piace o perchè per voi rappresenta qualcosa di particolare, un ricordo, un episodio della vostra vita?

17 novembre 2006

Grazie per aver viaggiato con Trenitalia

Stamattina come sono montato sul treno sono stato investito da un tanfo nauseabondo: un odore di pipì, ma talmente forte da risultare insopportabile. Infatti per un pò ho provato a resistere perchè avevo trovato un posto a sedere, ma dopo poco ho desistito e mi sono spostato in un'altra carrozza, dove (ovviamente) sono stato in piedi per il resto del viaggio.

Episodi come questo per fortuna non sono frequenti, ma visto che i disagi per chi viaggia spesso sui mezzi pubblici non mancano, l'idea di un aumento dei biglietti per arginare i debiti di Trenitalia, come prospettato da Di Pietro qualche giorno fa, mi fa davvero imbestialire...

12 novembre 2006

Se apparisco la denuncio!

Sabato mattina, approfittando del fatto che stavo andando a Roma con la mia metà, ho deciso di portare con me la macchina fotografica per fare qualche foto, con l'idea di sostituire l'immagine che avevo messo come "intestazione" del mio blog, che con quel color seppia era un pò triste... :)

Faccio qualche scatto sulla banchina, la giornata è ideale: c'è un bel sole e non ci sono molte persone, come sempre nel fine settimana. Poi rimetto il tappo all'obiettivo e torno nella stazione ad aspettare il treno. Appena dentro mi sento chiamare: "Signore!". Mi volto e vedo un omino che si avvicina.

"Signore, io sono un operatore <parola incomprensibile>. Lei mi ha ripreso, ma io le proibisco di pubblicare quelle foto!". Prima che potessi dire qualunque cosa, l'omino prosegue: "Se io apparisco da qualsiasi parte, la denuncio per violazione della privacy!".

Io e la mia metà ci guardiamo, e ci allontaniamo per non sbottargli a ridere in faccia... :D Ma ce ne sono, di matti!

07 novembre 2006

Chi è l'animale?

Ore 5.35, arrivo alla stazione un pò di fretta, entro nel parcheggio che a quest'ora di solito è praticamente deserto. All'improvviso però mi accorgo che sul marciapiede c'è qualcosa... ma... quello è un cagnolino! Sì, c'è un cagnolino seduto con gli occhi fissi sulla strada, come se stesse aspettando qualcuno. I miei occhi incrociano i suoi, ma poi sparisce. Lo cerco nello specchietto retrovisore... ma dov'è andato? Me lo sarò immaginato?

E invece no. Spengo il motore e sento un guaito. Quel poverino mi ha seguito ed ora è lì accanto alla mia macchina, a fissarmi speranzoso. Esco fuori, chiudo lo sportello e lo guardo: non ci capisco molto ma sembra piccolo e spaventato. E' evidente che è stato abbandonato dal suo padrone. Ma come si può fare un cosa del genere? Con che coraggio si può lasciare un animale sulla strada, andare via e continuare la vita di sempre, senza avere almeno un minimo di rimorso?

Resto ancora un istante, poi però, anche se mi si stringe il cuore, me ne devo andare per non perdere il treno.

Io non riuscirei a desiderare il male di nessuno, ma a quella bestia gli auguro di provare lo stesso senso di solitudine e di angoscia a cui ha condannato quell'innocente cuccioletto.

UPDATE: Ho chiamato l'ENPA (l'Ente Nazionale Protezione Animali) che mi ha consigliato di rivolgermi agli studi veterinari della mia città, per cercare un'associazione o un canile che possano occuparsi di questa vicenda. Venerdì avrei voluto fare qualche telefonata, ma il cagnolino non si è più visto... Ho provato anche ad aspettare un pochino, ma niente. Spero di ritrovarlo, domattina! :(

04 novembre 2006

Stasera, la luna...

"...ci porterà fortuna", recitava una vecchia canzone. Ma anche se non fosse così, affacciatevi comunque alla finestra, oppure alzate gli occhi se stasera uscirete, perchè lo spettacolo che offre la luna quando è piena è sempre qualcosa di meraviglioso! O almeno, io non riesco a stancarmi di stare col naso all'insù a guardare il cielo ogni volta che questo fenomeno si ripete.
E infatti, nonostante il freddo, pure stasera ero sul balcone, stavolta anche a scattare foto (a proposito, questa qui accanto è opera della mia Fuji Finepix S5600). :)
Buona domenica a tutti!

02 novembre 2006

Freddo cane!

Hai voglia a vestirti a cipolla se poi, all'improvviso, un vento gelido fa precipitare le temperature! Ma domattina non mi frega... eh no! Sotto il giubotto mi imbottisco per bene! :)

29 ottobre 2006

Slideshow

Spesso curiosare tra i tanti blog che esistono in Internet e vedere come gli utenti li hanno personalizzati, permette di fare scoperte interessanti. E' il caso di Slide, un servizio carinissimo per creare uno slideshow molto velocemente, e con pochi colpi di mouse: si importano le foto presenti su siti come Photobucket o Flickr, si sceglie uno stile tra quelli disponibili per la presentazione delle immagini e, una volta salvato il tutto, viene generato automaticamente il codice da inserire in un post o nel template del proprio blog!

Qui di seguito ho messo uno slideshow con alcune delle foto che ho fatto a Capri quest'estate, mentre nella sidebar ho inserito qualche immagine di Lisbona. Buona visione!

Sesso in condominio

Non so quanti di voi abbiano, come me, vissuto da sempre in un condominio. A beneficio dei fortunati che non hanno mai avuto questa (ahem...) gioia, dico che vivere in un condominio significa mettere in conto che mantenere la propria privacy è praticamente impossibile.

E non solo perchè ci sono persone che vanno a frugare nella posta che ricevi, o controllano a che ora esci e rientri a casa, e con chi (non stupitevi, vi assicuro che può capitare!), ma anche e soprattutto perchè nelle moderne palazzine le mura che dividono il proprio appartamento da quelli circostanti sono talmente sottili che, se non si fa attenzione a parlare a voce bassa, si finisce col condividere la conversazione con i vicini.

Vi lascio immaginare quindi cosa significa lasciarsi andare nei momenti di intimità... Ad esempio, suppongo che ieri notte l'inquilino dell'appartamento sopra al nostro ha avuto un incontro particolarmente piacevole, a giudicare dai mugolii e i gemiti della fanciulla che era con lui, sincronizzati con i tonfi del letto sul pavimento! ;)

Il tutto raccontatomi con non poco imbarazzo dalla mia metà (io invece dormivo beatamente!), sconcertata dai rumori tipo film porno che sono andati avanti per parecchio tempo.

E a voi è mai capitato di essere spettatori involontari dello sfogo della passione altrui? E qual'è stata la vostra reazione? Imbarazzo, divertimento, entrambe le cose, o altro?

26 ottobre 2006

Non sono scomparso...

Rieccomi qui, sano e salvo! Non vi preoccupate, non mi è successo nulla in queste due ultime settimane, salvo un guasto alla linea ADSL che è stato riparato solo stamattina. A proposito: grazie, Telecom! E' per avere questo efficientissimo (ndr: è un eufemismo) servizio che è stata imposta una sovrattassa ai provider che vendono ADSL su linea dati?

Questo, unito alla perdurante (ma esiste la parola "perdurante" in itaGLiano? Il dizionario Garzanti dice di no...) impossibilità di collegarmi ad Internet dal fantastico (ndr: altro eufemismo) luogo in cui lavoro mi ha tenuto lontano dal blog per tutto questo tempo.

Però now I'm back, come dicono quelli che conoscono le lingue... :) Ed ora la doccia mi attende... non vedo l'ora di rinfrescarmi, visto il caldo che fa in questi giorni! Buona serata a tutti!

08 ottobre 2006

Consigli per gli acquisti

E' passato in tv non da molto, ma se l'avete perso (com'è successo a me) e non l'avete visto al cinema, vi consiglio di cercarlo nella vostra videoteca di fiducia. Sto parlando di questo film, con protagonista un grande Sean Penn.
Tra l'altro ho scoperto di avere in casa il romanzo da cui è tratto, scritto da Dennis Lehane. Ora so cosa leggerò domani sul treno! :)

Buon inizio di settimana a tutti!

02 ottobre 2006

Turisti, pijateve 'n tassì!

Stamattina, sulla metro A, ore 6.30 circa. Alla fermata della stazione Termini entra una coppia di mezza età, lui magrolino, lei piuttosto in carne, mentre stanno uscendo alcuni ragazzi con delle valigie. La donna pretende di entrare senza lasciare che prima loro escano, cosa chiaramente impossibile. Così rimangono tutti sulla soglia del vagone per alcuni istanti a guardarsi, poi lei si fa largo sbracciando, mentre lui (il marito, immagino) annaspa alle sue spalle.

Appena dentro inizia a sbraitare: "Ma guarda questi che vanno in giro co' tutte 'ste valigie... L'altro giorno ce ne stavano due pieni de borse che pe' entra' dovevi chiede permesso... Ma nun se potevano pija' 'n tassì?"

01 ottobre 2006

Quale provider?

Ieri, nel leggere la posta ho avuto la spiacevole sorpresa di apprendere che il mio provider Internet applicherà dal prossimo mese di novembre una maggiorazione del costo dell'abbonamento pari a 9,50 euro al mese. L'aumento è dovuto al fatto che Telecom applica dal dicembre del 2004 un canone aggiuntivo sulle linee ADSL non associate ad un contratto per il servizio telefonico fornito da Telecom stessa.

Finora di questo canone aggiuntivo si era fatto carico il provider, ma evidentemente si è reso conto di non poter più sostenere la spesa, e ha deciso di farne ricadere una parte sui propri clienti. E per me 45,50 euro al mese (ossia i 36 euro che pagavo finora, più 9,50 euro) sono troppi, per cui dovrò trovare un'alternativa più economica.

Al momento, l'unica che sono riuscito a trovare è Alice Flat (19,95 euro al mese), anche se per attivarla dovrei far installare la linea telefonica di cui sinceramente continuerei a fare volentieri a meno. Il costo è lo stesso dell'offerta di Tiscali a 4 Mega, ma sembra che la mia zona non sia raggiunta dal servizio di questo operatore (ho provato a fare la verifica con il numero telefonico della mia vicina di casa).

Non so proprio che fare... Amici, avete qualche suggerimento da darmi?

27 settembre 2006

Se questo è l'inizio...

La settimana è cominciata con il primo, vero assaggio d'autunno, almeno dalle mie parti: un temporale che non è durato molto, ma la cui intensità è stata tale da mettere in crisi una città come Roma (e qui ci sarebbe da chiedersi se è normale se una pioggia, seppure particolamente violenta, può mettere in ginocchio la Capitale, o se invece non era possibile fare qualcosa per prevenire gli inevitabili disagi).

Al sottoscritto nell'ordine sono capitate le seguenti disavventure:
1) Attesa di un'ora alla fermata dell'autobus che prendo abitualmente. Con i piedi zuppi, dal momento che ero uscito di casa con un paio di scarpe di tela, ignaro di quello che sarebbe successo di lì a poche ore.
2) Viaggio nella metro affollata, perchè la pioggia era caduta attraverso i condotti di aerazione sui binari, causando il rallentamento delle corse e il conseguente aumento dei passeggeri in attesa.
3) Corsa a piedi dalla stazione di Piazza della Repubblica per raggiungere Termini, in quanto l'omonima stazione era chiusa perchè allagata e la metro non vi si fermava.
4) Corsa peraltro vana, con conseguente perdita del treno (per pochi minuti!) e attesa di quasi un'ora prima di poter prendere il successivo per tornare a Latina.
5) Incidente mancato per un soffio vicino casa: la mia auto in una curva ha pattinato sull'asfalto reso viscido dalla pioggia, e solo la prontezza di riflessi del guidatore che veniva in senso opposto ha evitato il peggio.

L'autunno è cominciato benino...

20 settembre 2006

Un colpetto... di genio


A che serve riparare le cose che non funzionano... Basta lavorare di fantasia! :)
PS: Clicca sulla foto per ingrandirla

17 settembre 2006

Novità

Ebbene sì, mi ero un pò stancato del vecchio template, e così con l'occasione ho deciso di rinnovare un pò il mio blog: nuovo template (con tanto di barra laterale con menu che scrollano... una sciccheria! :)), nuova foto nel profilo, nuovo avatar, e... e basta per il momento! :)

Ora dovrò perdere un pò di tempo per rimetterci tutto quello che era nel vecchio template e che voglio conservare, e magari infilarci qualcos'altro di sfizioso.

Ma sarà per il prossimo weekend, credo... adesso, con l'aiuto della mia metà, devo fissare al muro del bagno i nuovi portasciugamani che abbiamo comprato la scorsa settimana. Il trapano mi aspetta!

13 settembre 2006

Tecniche antistress...

Su "Metro" di oggi ho letto un articolo su come affrontare lo stress post-ferie. Ora, di solito questi articoli assomigliano nei contenuti ai pezzi sulle ondate di calore, a quelli sulle sindromi influenzali e così via: un'accozzaglia di luoghi comuni e di banalità assortite.

Questo non si discostava dallo standard, ma nella parte finale offriva ai lettori una chicca di cui devo assolutamente rendervi partecipi:
Se il capufficio vi pressa e i colleghi vi sembrano più antipatici del solito, potete sempre adottare la tecnica dell'"uovo azzurro".
Rimango un attimo sbalordito: l'uovo azzurro?!? L'autore prosegue:
Cominciate a "guardare" tutto quello che vi circonda (oggetti, persone, ambiente) come se fosse avvolto da una pellicola blu chiaro a forma di ovetto.
Mi sfugge come una pellicola, che immagino piatta, possa avere la forma di un ovetto, ossia un oggetto solido, ma in ogni caso la cosa importante è il colore: non verde speranza o rosa, il colore degli ottimisti, ma blu. Anzi, blu chiaro, per essere precisi! Il pezzo termina con questa frase:
La barriera mentale che creerete vi aiuterà a proteggervi da tutte le vibrazioni negative e a far rientrare i nervi a fior di pelle.

11 settembre 2006

C come... pacchi

Ieri sera, tornato a casa dopo aver cenato fuori con la mia metà, accendo il televisore curioso di vedere come fosse "Fattore C", la nuova trasmissione di Bonolis. Ero sicuro che non fosse niente di particolarmente brillante, ma una riedizione dei "pacchi" non me l'aspettavo proprio...

Ebbene sì: la geniale, e soprattutto innovativa, idea partorita dalle vulcaniche menti degli autori Mediaset è stata quella di prendere il programma che tanta fortuna ha avuto in Rai (oltre i propri meriti, a mio avviso) e che ha fruttato al suddetto un contratto multimilionario, sostituire i pacchi con dei busti (peraltro piuttosto bruttini) raffiguranti personaggi famosi e aggiungere il "maestro" (dde che?!?) Luca Laurenti. Tutto qui.

Dopo un paio di minuti sono andato a letto...

07 settembre 2006

Piattume televisivo

Stamattina mentre ero sull'autobus ascoltavo la trasmissione di Platinette, come faccio abitualmente tutte le mattine, e ho sentito che farà parte della giuria di un nuovo reality che andrà in onda da stasera su Italia1. Nel commentare questa notizia ha fatto notare ai suoi ascoltatori un particolare inquietante: nei prossimi mesi le reti Rai e Mediaset manderanno in onda una quantità di reality come credo mai è capitato in passato.

Alcuni sono quelli già ormai noti, come l'"Isola dei famosi" della Ventura o i ballerini della Carlucci, altri invece sono nuovi come il reality sul mondo del circo, quello "ambientato" nel west, quello di cui parlavo poco fa e che vede come protagonisti bellone presunte tonte e secchioni presunti imbranati, e... credo anche di averne saltato qualcuno.

In pratica, tranne il venerdì se non ricordo male, ogni sera è previsto un reality nel palinsesto di una rete. Lo spazio che rimane è occupato dalle solite fiction di qualità più o meno bassa, da sporadici film (da qualche anno a questa parte sempre meno, mi sembra, in particolare quelli in prima visione televisiva) e alcuni telefilm. Se aggiungiamo qualche evento (diciamo così...) come "Miss Italia", il Festival di Sanremo e le partite di calcio, quello che potremo vedere da qui fino alla prossima estate è questo. D'accordo, c'è sempre l'offerta satellitare, ma di certo non tutti se la possono permettere.

Io invece propongo come alternativa a questo piattume televisivo la pressione del magico tastino rosso del telecomando, abbinato alla lettura di un buon libro, o meglio ancora ad una passeggiata con il/la proprio/a partner. :)

05 settembre 2006

Formula... scopiazzata

Quando ho sentito parlare per la prima volta del nuovo quiz di Amadeus, in un servizio del TG5, non mi sembrava possibile... Poi ho deciso di vedere un pezzetto della prima puntata, ieri sera, e ne ho avuto la conferma: il gioco in cui si cimentano i concorrenti nella fase finale del programma, la "formula segreta" da cui deriva il titolo, appunto, altro non è che una scopiazzatura di quel test che impazzava fino a poco tempo fa in Rete, e su cui tante persone (me compreso) hanno perso ore e ore nel tentativo di ricostruire tutti e 33 i ditloidi di cui era composto.

Come scrive una delle persone che hanno contribuito alla sua diffusione, e tanto per parafrasare un altro programma televisivo, scommettiamo che... nessuno a Mediaset spenderà una parola per dire da dove hanno tratto l'ispirazione? :)

04 settembre 2006

Appunti di viaggio

Dopo più di due settimane trascorse in posti meravigliosi come Capri e le Cinque Terre (e dintorni, come Portofino -- bellissima! -- e l'acquario di Genova -- un pò meno... --), rieccomi qui, bentrovati a tutti!

Avrei tonnellate di cose da scrivere, ma più che un lungo e probabilmente noioso diario di viaggio preferisco buttare giù qualche riga di impressioni e di consigli che spero che altri viaggiatori potranno trovare utili.

1 - Capri è bella ma estremamente cara. Al punto che una notte in un modesto hotel, spacciato come 3 stelle ma qualitativamente paragonabile ad un albergo di categoria turistica, situato per giunta ad Anacapri, ossia in un posto lontano un quarto d'ora d'autobus da Capri, viene fatta pagare 146 euro! E come se non bastasse, l'aria condizionata in camera è un lusso da 12 euro al giorno, per chi non avesse prenotato tramite Internet come ho fatto io, anche se mi risulta che ad altri che hanno effettuato la prenotazione in questo modo è stata fatta pagare ugualmente come extra.
Ed era uno tra i più economici che sia riuscito a trovare, quindi la colpa più che del gestore (che tra l'altro si è lamentato scrivendomi un e-mail dal tono piuttosto risentito per i commenti negativi che ho lasciato sul sito attraverso il quale ho prenotato) di quell'hotel sta nel fatto che i prezzi dei servizi, in generale, sono decisamente esagerati: ho ancora sullo stomaco il fatto di aver pagato una bottiglia di minerale 2 euro e 50, ma potrei aggiungere anche i 14 euro a persona (più 1 euro e 50 per il bagaglio...) per il traghetto, e così via, l'elenco sarebbe smisurato.
Prezzi che comunque non scoraggiano la maggioranza delle persone, evidentemente, tanto che il sindaco ha avuto il coraggio di protestare contro i villeggianti che a suo dire invadono l'isola in numero eccessivo, oltretutto armati di panini e pranzi al sacco (e ci credo!), tanto da ipotizzare una tassa sul turismo "mordi e fuggi". Che per un posto che vive di questo -- immagino -- mi sembra assolutamente un controsenso...

2 - Le Cinque Terre sono cinque piccoli gioielli, ma per visitarle a mio avviso conviene tenere conto del fatto che:
2a - Tra i borghi, Manarola è forse il più indicato come luogo dove stabilirsi per esplorare la zona. Perchè non è grande come Monterosso, ma ha una buona disponibilità di strutture ricettive a basso e bassissimo costo, ristoranti a prezzi abbordabili e alimentari dove fare la spesa, se ci si vuole preparare un panino o comprare della frutta da consumare in giro o sulla spiaggia. Inoltre percorrendo la famosa "Via dell'Amore" in un quarto d'ora di comodo cammino si arriva a Riomaggiore, da cui partono la maggior parte dei treni che vanno verso La Spezia o in direzione opposta, verso Genova.
2b - A proposito di treni, che sono il mezzo più comodo per spostarsi, attenzione a questo che non è un dettaglio: parecchi non fermano a Manarola, Vernazza e Corniglia, ma solo a Riomaggiore e Monterosso, e di treni durante la giornata non ce ne sono molti. Occhio quindi a programmare gli spostamenti!
2c - Per quanto riguarda le strutture, devo assolutamente segnalare quella gestita da Davide Bordone, l'affittacamere dove ho soggiornato a Manarola. Per soli 55 euro a notte ho avuto una camera che come dimensioni e pulizia faceva invidia ad alberghi ben più titolati (e costosi)! E poi il fatto di avere sempre a disposizione la chiave dava la sensazione di essere... a casa propria! E come ciliegina sulla torta, a tutti i suoi clienti regalava un calendario da parete con delle splendide foto dei luoghi!
2d - Su molte guide che parlano di questi posti troverete il consiglio di acquistare la carta "5 Terre": è un ottimo suggerimento, perchè consente di viaggiare per il periodo di validità della carta (1, 3 o 7 giorni) illimitatamente sui treni nella tratta La Spezia - Levanto, sui pulmini che girano all'interno dei borghi, e inoltre consente di accedere ai sentieri che collegano i punti di maggior interesse turistico senza pagare (tenete presente che solo per percorrere la Via dell'Amore bisogna sborsare 3 euro!). La carta che vale 7 giorni costa poco più di 20 euro, e se vi muovete parecchio come ho fatto io si ripaga in fretta.
2e - Se vi recate in un punto informazioni (sono adiacenti alle stazioni ferroviarie) è probabile che, tra i vari depliant, vi diano un foglietto con gli orari del pulmino che porta da Manarola a Volastra. Buttatelo, dimenticatevene. Perchè? Perchè a Volastra non c'è assolutamente nulla! Nel senso più letterale del termine, almeno per quanto potrebbe interessare ad un turista. Ci sono degli stretti vicoletti circondati da una manciata di case che sembrano disabitate perchè non si vede un'anima, un negozio di alimentari (anzi, di *commestibili*, come recita l'insegna) e una chiesa. E basta. In una decina di minuti, più o meno, avrete visto tutto quello che c'era da vedere, e attenderete con trepidazione che arrivi il pulmino per riportarvi in mezzo alla civiltà! ;)

Beh, direi che ho scritto già troppo... Aggiungo solo che se volete dare un'occhiata ad alcune delle foto che ho scattato a Capri potete cliccare qui. Quelle delle Cinque Terre arriveranno in seguito, spero presto!

18 agosto 2006

Pronti alla partenza!

Pronti, anzi, prontissimi alla partenza! Oggi ho sfruttato questa giornata che ho preso di ferie per finire di preparare la valigia (oltre che per riposarmi... oggi credo di aver dormito come non mi capitava da parecchio tempo!), e domattina si parte alla volta di Capri!

Quindi, amici del blog, a risentirci la prossima settimana: sarò tre giorni a casa e poi ripartirò per le Cinque Terre!

17 agosto 2006

Sogni da sceicchi

In questi caldi giorni d'estate (che in verità in questo mese tanto caldi non sono stati, anzi...) sui giornali capita di trovare notizie un pò più leggere del solito. Giusto ieri mi è caduto l'occhio su un articolo in cui si parlava di un progetto chiamato The World.

In pratica è stato costruito (e intendo proprio costruito dal nulla) un arcipelago di 300 isole, disposte in modo tale che dall'alto disegnassero con la loro forma un planisfero, da cui il nome del progetto.
Ogni isola può essere acquistata, previo pagamento di una cifra che se non ricordo male quanto ho letto ammonta ad alcuni milioni di dollari, e diversi personaggi famosi lo hanno già fatto. Alcuni, poi, hanno anche avuto la possibilità di scegliersela (pagando una somma ancora più alta, immagino) in una posizione che fosse sufficientemente distante da "vicini di casa" non graditi. Bizzarrie da star tipo Mick Jagger, uno dei fortunati da avere un portafoglio abbastanza gonfio da potersi permettere un lusso di questo tipo.

E tra l'altro questo non è l'unico megaprogetto: Dubai è una sorta di enorme cantiere finanziato da sceicchi, da cui stanno sorgendo alberghi faraonici, parchi divertimento giganteschi e pieni di attrazioni strabilianti, e tutto quello che un turista (decisamente facoltoso) può sognare, come potete leggere in questo articolo.

15 agosto 2006

Buon ferragosto!

Strana giornata questo, per me, a cavallo tra due giorni lavorativi. Tant'è che, complice anche il fatto che sabato scorso ho lavorato, stamattina ho impiegato parecchio tempo per realizzare che oggi non è domenica! :)

Domani poi dovrò lavorare fino alle 20, ma non m'importa più di tanto... ormai con la testa sono già in vacanza! Mancano solo quattro giorni alla partenza...

PS: Buon ferragosto a tutti!

11 agosto 2006

Il peggio del peggio

Una delle attività a cui mi dedico durante i miei quotidiani viaggi di pendolare è quella del "people watching", l'osservazione delle persone che ho intorno. E nell'osservare capita che venga attirato da particolari diversi, come ad esempio l'abbigliamento, che in quel campionario di varia umanità che viaggia insieme a me spazia spesso dall'anonimo all'inguardabile.

Ecco un sintetico estratto dell'ideale resoconto del peggio del peggio indossato da alcuni soggetti (termine quanto mai appropriato alla circostanza, direi), una top five dell'orrido, insomma:

Uomini
1) Calzini di filo leggermente calati a causa dell'elastico consumato da innumerevoli lavaggi, di colore ovviamente *non* in tinta con i pantaloni.
2) Camicia sbottonata fino all'ombelico, aperta sul petto villoso e sulla pancia che straborda dai pantaloni, e al collo una catena d'oro di dimensioni enormi.
3) Sandali indossati con i calzini.
4) Pantaloni di normale fattura, ma colore verde acceso "tipo evidenziatore".
5) Pantaloni a vita *molto* bassa, con boxer (decisamente scoloriti, tra l'altro) a vista.

Donne
1) Abitino corto e scollato, di un paio di taglie più piccolo del necessario.
2) Gonna al polpaccio e gambaletti.
3) Minigonna inguinale abbinata a cosce grosse come prosciutti.
4) Smalto rosso fuoco, a far risaltare piedi che invece sarebbe più dignitoso nascondere.
5) Magliettina corta e pantaloni a vita bassa, con pancetta in evidenza.

PS: Buon fine settimana!

06 agosto 2006

Vacanze prossime venture

La settimana che sta per cominciare è la penultima prima delle mie tanto sospirate vacanze... Certo, partire dopo ferragosto ha i suoi vantaggi, come il fatto che in questi in ufficio siamo in pochissimi e i capi non ci sono, per cui si sta una pacchia (eh, eh!), però certo che salutare i colleghi che vanno in ferie mentre lo sguardo va mestamente al calendario a constatare che manca ancora parecchio prima di poter fare altrettanto, beh, non è proprio piacevole!

Mi consola il fatto che andrò con la mia metà a visitare due posti meravigliosi: Capri, per i primi 4 giorni, e poi, il sabato successivo le Cinque Terre, per una settimana!
Per visitare Capri ho trovato un albergo ad Anacapri, non proprio economico perchè le tre notti costano in media circa 120 euro (ma del resto da quello che ho capito i costi sono proporzionati allo splendore dell'isola...), ma in compenso per le Cinque Terre ho preso una stanza in un bed and breakfast a Manarola a 55 euro a notte, che per agosto mi sembra davvero un buon prezzo! Tra l'altro è proprio sul mare, quindi non dobbiamo neanche camminare per andare in spiaggia.

Insomma, come avrete capito non vedo l'ora... ;) Ovviamente non mancherà un resoconto fotografico del tutto... cercherò di far onore alla mia nuova macchina fotografica!

31 luglio 2006

Strafalcioni d'estate

Una signora stamattina sul treno: "Ma quando finirà questo caldo torrenziale?" ;)

25 luglio 2006

Grazie all'anonimo soccorritore!

Immaginatevi la scena: esco dall'ufficio, e già l'impatto del caldo torrido dopo una giornata trascorsa in un ambiente climatizzato è terrificante. Circondato dal rumore delle cicale, mi incammino verso la fermata dell'892. Lentamente, perchè tanto è presto. E invece improvvisamente vedo apparire l'autobus! "Opporcapupazza!!!", penso, e dimenticando il calore di questo pomeriggio di fine luglio, corro che neanche il primatista mondiale dei 100 metri piani (vabbè, non esageriamo: facciamo come il campione di corsa intorno all'isolato? ;))

Ovviamente lo perdo, perchè anche se mi ha visto arrivare, l'autista ('ta**i sua!!!) non si degna di aspettare quella manciata di secondi che mi avrebbe consentito di montare sopra, mentre io posso tranquillamente stare mezz'ora a rosolarmi in mezzo alla campagna aspettando l'autobus successivo.

Mentre paonazzo e grondante di sudore tento di riprendere fiato, e spero che la fitta che avverto non sia il sintomo che sta per venirmi un infarto, un tizio che ha assistito alla scena all'interno di una macchina, fermo ad un lato della strada, mi sorride e mi fa: "Che dice, vogliamo vedere se riusciamo a raggiungerlo?"

Per un attimo mi chiedo se sta veramente parlando con me, anzi, se è reale o se non si tratta di un miraggio, un pò come le visioni mistiche di Fantozzi. :) E invece era vero, uno degli ultimi rappresentanti della categoria delle persone gentili, ahimè più a rischio di estinzione dei panda. E quando si è accorto che non saremmo riusciti a raggiungere l'892, si è offerto spontaneamente di darmi un passaggio fino alla metropolitana!

23 luglio 2006

Una coppia esplosiva

No, non si tratta del classico gossip estivo dell'ennesimo flirt di un calciatore con una velina, o altre amenità del genere (lungi da me pubblicare un post su un simile argomento! :)). Non mi riferisco a persone, ma a due elementi che singolarmente sono del tutto innocui, ma se uniti innescano una reazione decisamente violenta!

Forse qualcuno di voi avrà gia capito: sto parlando della Diet Coke e delle Mentos. Ebbene, non ho idea di come lo abbiano scoperto, ma mettendo dei confetti all'interno di una bottiglia di bevanda, il liquido in essa contenuto schizza fuori con forza creando una spettacolare fontana che raggiunge una ragguardevole altezza!

E non solo, qualcun altro (amante del rischio, direi...) ha pensato bene di mettere le Mentos, tappare subito il recipiente e poi gettarlo con forza a terra. L'effetto è esplosivo: la bottiglia si rompe e il liquido la trasforma in un proiettile che può finire anche ad alcune decine di metri di distanza! Su Google Video, cercando "diet coke + mentos" trovate numerosi video su questo argomento... a quanto pare, quelli che vogliono cimentarsi nell'insano esperimento sono parecchi!

PS: Se volete imitarli non fatelo in casa, se non volete passare parecchio tempo a ripulire tutto il casino che ne deriverà! ;)

20 luglio 2006

Giornate più corte

E' circa un mese che la durata del giorno sta diminuendo, ma se nei primi giorni successivi al solstizio d'estate il fenomeno era praticamente impercettibile, ora si nota anche ad occhio.

Io me ne accorgo la mattina, appena alzato: se fino ad una, due settimane fa verso le 5 il sole stava per sorgere, adesso alla stessa ora il cielo è debolmente illuminato da un chiarore all'orizzonte, e prima dell'alba devono trascorrere parecchi minuti.

Lo so, è inevitabile, ma la cosa mi mette una certa malinconia... siamo ancora a luglio, ma le giornate che si accorciano portano già una (piccola) parte dei miei pensieri all'autunno che verrà. Sarà la stanchezza? O la consapevolezza che prima di poter andare in vacanza dovranno trascorrere altre 4 settimane lavorative? O che il 14 agosto non potrò fare ponte, e che il sabato immediatamente precedente dovrò stare in ufficio?

PS: Oppure sarà questo caldo terrificante...

16 luglio 2006

Cover e pezzi strumentali

Ho modificato i link nella colonna di destra per aggiornare le mie cover, brani cantati da me, che ora sono di nuovo online grazie a Openomy, e ho aggiunto anche alcuni pezzi strumentali composti dal sottoscritto parecchio tempo fa (il primo, Summer, risale ad un'estate di ben 11 anni fa, ed è stato creato utilizzando un Amiga 500!).

Spero vi piacciano, e come sempre lodi, ma anche critiche e consigli di qualunque tipo sono ben accetti! :)

Abbigliamento digitale

Qualcuno deve aver pensato che ormai un lettore mp3 o una chiavetta USB sono oggetti talmente comuni da risultare banali, e così ha deciso di trasformarli in accessori da indossare, come un braccialetto o una cintura. Il risultato potrà non piacere, ma di sicuro con questi gadget tecnologici addosso non passerete inosservati! ;)

In particolare sfoggiando la cinta, la cui fibbia in realtà è un lettore che riproduce file audio (mp3) e video (jpg, mpg, avi, ecc) memorizzati su una scheda SD. Monta un display Samsung da 3" e, stando ai dati forniti dal costruttore, vanta un'autonomia di 4-6 ore. Il costo? "Solo" 279 dollari, e si può ordinare online.

Maggiori informazioni su questi due siti.

Sandi Thom

Ho letto di questa cantante qualche giorno fa, in un piccolo articolo apparso sul quotidiano gratuito "Leggo". In Italia credo sia ancora praticamente sconosciuta, ed è un peccato perchè ha una voce niente male, e il suo disco d'esordio, "Smile... It Confuses People", contiene dieci tracce piuttosto leggere ma decisamente piacevoli da ascoltare.

La prima, "I Wish I Was A Punk Rocker", è anche il primo singolo estratto dall'album, il cui video (carino, girato tutto in "piano sequenza") può essere visto online sul suo sito. A me ha colpito in particolare l'ultimo brano, "Time", in cui il suo timbro potente si addolcisce per cantare una ballad molto delicata.

10 luglio 2006

I campioni siamo noi!

Non c'è niente da fare, la nostra vittoria è l'argomento del giorno su qualunque mezzo di comunicazione e sulla bocca di tutti, e mi sembra un doveroso ricoscimento alla grande impresa che questi ragazzi hanno compiuto!

PS: Stamattina colazione con i cornetti che ci ha portato la ragazza (francese) che fa la receptionist presso la società dove sto lavorando in questo periodo... Ha voluto scommettere su chi avrebbe vinto la finale, ma purtoppo (per lei, eh eh eh!) ha perso! ;)

09 luglio 2006

Grazie, ragazzi!

Qualunque sia il risultato della partita che si giocherà tra poco, grazie ragazzi perchè siete arrivati a giocarla. Perchè avete saputo mantenere alta la concentrazione fino ad ora, nonostante le notizie che arrivavano dall'Italia su uno scandalo senza precedenti che ha travolto molti personaggi del mondo del calcio. Perchè il gioco che avete espresso nelle prime partite non era particolamente esaltante, ma grazie anche ad un pizzico di fortuna avete strappato le vittorie che contavano. Perchè siete riusciti a far emozionare anche chi, come me, vive le vicende del pallone con un certo distacco.

Grazie, ragazzi! E incrociamo le dita... :)

02 luglio 2006

Regalo estivo

In vista delle prossime vacanze estive (che purtroppo tanto prossime non sono, visto che ho preso di ferie le due ultime settimane di agosto) ho deciso di regalarmi una macchina fotografica, mettendo in pensione la "vecchia" Olympus C1 da 1,3 megapixel che comunque è stata testimone preziosa di tanti bei momenti che ho passato con la mia metà da quando eravamo fidanzati ad oggi. :)

Ho scelto questa, la Fuji S5600, e l'ho comprata da PixMania ad un prezzo che mi ha lasciato piacevolmente sorpreso: con poco più della stessa cifra con cui da Trony avrei preso solo l'apparecchio, tramite questa catena ho preso il pacchetto che comprende macchina fotografica, card da 1 GB, caricabatterie e 4 batterie ricaricabili (da 2500 mAh, tra l'altro!) e borsa per il trasporto!

E' il primo acquisto che faccio con loro... un pò di timore di beccare la classica "sola" ce l'ho, tant'è che ho deciso di spendere 18 euro in più per il "contratto Acquisti Sereni", che in caso di malfunzionamento dell'oggetto nel primo anno mi garantisce il rimborso del 100% dell'importo speso in buoni acquisto. Magari non servirà, però... preferisco essere previdente! :)

Martedì la andrò a ritirare presso il loro centro di Roma, e vi farò sapere le mie impressioni!

29 giugno 2006

Cosa bolle in pentola?

Vi siete mai chiesti che genere di pasto vi aspetta quando state per montare a bordo di un aereo? Oppure durante il vostro ultimo volo siete stati colpiti, positivamente o negativamente, dal cibo che vi è stato offerto e vorreste condividere la vostra opinione con altri viaggiatori?
Potete farlo sul sito AirlineMeals.net, e magari corredare il testo che inviate con una foto, tanto per dare un'idea più precisa a chi leggerà il vostro commento di ciò che lo aspetta. :)

PS: Ad oggi ci sono alcune migliaia di recensioni, suddivise per compagnia aerea, raccolte nel sito!

27 giugno 2006

Comicità involontaria?

Da "Leggo", il quotidiano a distribuzione gratuita di oggi, edizione di Roma.

Forse a qualche redattore del giornale sta antipatico Marco Mazzocchi, il giornalista della redazione sportiva del TG1, perchè credo che non ci sia bisogno della didascalia per capire chi dei due nella foto è il cane... ;)

24 giugno 2006

Confessions in groups of 5

Ho ricevuto da Nancy l'invito a partecipare a questo meme, che per i non addetti ai lavori è un'elenco di "cose" di una persona (oggetti, preferenze, ecc.) presenti in un determinato luogo, o riguardanti un certo argomento. Uhm... mi sa che la spiegazione non è molto chiara... Diciamo allora che è un modo simpatico per conoscere le abitudini degli amici blogger! Ecco le mie:

5 cose nel mio freezer:
1. I "ghiaccioli", quelli che si raffreddano e si mantengono freddi per alcune ore anche fuori dal congelatore (indispensabili nel mio portapranzo, con questo caldo!)
2. Le pizze surgelate del discount (di recente io e la mia metà ne abbiamo scoperto un tipo niente male).
3. Le patatine fritte surgelate (possono mancare, accanto alla pizza? :))
4. Le polpette e i supplì preparati da mia suocera.
5. Verdure (spinaci, piselli, funghi... ok, i funghi non sono verdure, è vero! :))

5 cose nel mio armadio:
1. Tante camicie a maniche lunghe, poche a maniche corte, perchè d'estate preferisco indossare polo e t-shirt.
2. Tante paia di scarpe comprate a poco ai mercatini (girando un pò se ne trovano di carine e spendendo poco!).
3. I maglioni, quasi tutti di cotone perchè sono piuttosto "caloroso", e anche d'inverno non ho abbastanza freddo da mettere quelli di lana.
4. Magliette vecchie da usare quando sono in casa, o nel letto (non metto *mai* il pigiama, perchè come dicevo sopra non soffro il freddo, e poi non mi piace).
5. Pantaloni in prevalenza sportivi, perchè per fortuna anche al lavoro posso vestire casual.

5 cose nella mia macchina:
1. Il bloccavolante.
2. I documenti, nel cassettino portaoggetti.
3. Un orsacchiotto attaccato allo specchietto retrovisore, regalatomi dalla mia metà.
4. ...temo di aver già finito!

5 cose nella mia borsa:
1. Il lettore mp3, fedele compagno nei miei viaggi giornalieri di pendolare!
2. L'ombrello, di quelli piccoli. Sembrerà strano, ma lo lascio sempre in fondo alla borsa visto che occupa pochissimo spazio, per non rischiare di non averlo quando serve (cosa che, data la mia distrazione, potrebbe tranquillamente capitare!).
3. Spazzolino e dentifricio, per lavarmi i denti dopo pranzo.
4. Chiavetta usb.
5. Ritagli di giornale con gli schemi del Sudoku, che faccio sul treno (quando il sonno non prevale...)

Stupidità senza freni

Qualche giorno fa nei commenti di un post ho parlato di un incidente che ha paralizzato il traffico sulla Pontina per alcune ore. Io mi ci sono trovato in mezzo perchè stavo tornando da Roma con il pulman, ma sul momento non ero riuscito a capire quale fosse stata la causa scatenante. Poi però ho trovato la spiegazione in un articolo pubblicato su "Il Messaggero" di ieri:

"PONTINA: CARAMBOLA A QUATTRO PER L'AUTOVELOX - Tamponamento a catena l'altro ieri (ndSA: mercoledì) sulla Pontina davanti all'autovelox fisso installato dalla Provincia nei pressi di Aprilia. Il conducente di una Bmw ha detto di essersi distratto per guardare l'indicatore di velocità e così non si è accorto che c'era un incolonnamento di auto per il solito traffico sulla Pontina. (...) Sul posto è intervenuta una pattuglia della Polizia stradale di Aprilia che, ricostruendo la dinamica dell'incidente, ha indirettamente messo in evidenza i problemi che sta provocando l'autovelox".

Ora, a mio modesto parere il problema non è l'autovelox (assolutamente necessario in quanto quella strada è tristemente nota per essere tra le più pericolose in assoluto in Italia), perchè è posto su un bel palo bianco e in un tratto rettilineo, e quindi perfettamente visibile anche in lontananza. Il problema è la stupidità di chi corre come un matto e poi, appena vede il rilevatore di velocità, frena bruscamente, oppure come il tipo che ha causato l'incidente in questione, si distrae per guardare il tachimetro... ma si può essere più idioti?!?

PS: La foto è stata fatta dal sottoscritto mentre ero sul pulman.

22 giugno 2006

Ringraziamenti

Vorrei ringraziare la redazione di Libero (il portale, non il giornale!) per aver ritenuto un mio post meritevole di pubblicazione! Wow... non pensavo che questo piccolo blog, nato solo come hobby personale senza troppe pretese, potesse raccogliere l'attenzione di un sito così importante! Di questo passo potrei anche cominciare a montarmi la testa! ;)

21 giugno 2006

Uno sciopero contro gli scioperi?

Lo sciopero è un diritto sacrosanto, e su questo non ci piove. Spesso è l'unico modo per far sentire le proprie ragioni, per rivendicare dei diritti. Però non è giusto che ne facciano le spese sempre e solo persone che con le motivazioni dello sciopero non c'entrano nulla.

Come avrete immaginato, mi sto riferendo in particolare alla categoria che più mi tocca da vicino in quanto pendolare, quella del trasporto pubblico. In questo caso, oltre che colpire chi utilizza un servizio e non chi lo gestisce, è la frequenza con cui vengono messi in atto gli scioperi che infastidisce oltre ogni limite di sopportazione. Negli ultimi anni, tra quelli del personale di Trenitalia e del trasporto locale, ci sarà stato uno sciopero al mese, senza esagerare. In certi periodi anche di più.

Che poi, puntualmente, in queste occasioni il traffico aumenta in modo considerevole, perchè tanti non possono permettersi di mancare dal lavoro e prendono l'auto, e di conseguenza i tempi di percorrenza si allungano.

E così stamattina ho preso il pulman da Latina alle 6.30 per arrivare in ufficio, dopo aver preso anche la metro B, la metro A e il solito autobus che non passa mai, alle 10, impiegando complessivamente 3 ore e mezza per percorrere... uhm... un'ottantina di chilometri o poco più.

20 giugno 2006

Il sesso del cervello

C'è un trafiletto su "Metro" (il quotidiano a distribuzione gratuita diffuso in alcune città italiane e del mondo) di oggi che riprende un articolo pubblicato sul sito della BBC.

L'argomento è l'ormai arcinota differenza tra il modo di pensare dell'uomo e della donna, e viene sottolineato il fatto che degli studiosi hanno provato che la percentuale di mascolinità e femminilità del nostro cervello può variare da individuo a individuo. In pratica alcuni di noi di fronte a determinate situazioni hanno un comportamento o un modo di ragionare vicino a quello tipico di persone del sesso a cui appartengono, mentre altri agiscono o vedono le cose come farebbero invece se fossero di sesso opposto.

Questi studiosi hanno anche stilato un test (in inglese) che permette di valutare quanto è maschile o femminile il nostro cervello. Il mio risultato è rappresentato dal grafico qui sotto. Provate anche voi, per vedere in che misura il vostro sesso biologico corrisponde a quello della vostra testa!

19 giugno 2006

Cattivi esempi

Credo che molti di voi avranno visto la partita Italia-Usa, sabato sera. Faccio un brevissimo riassunto di uno degli episodi chiave dell'incontro, per chi non l'avesse seguito: poco dopo il pareggio della squadra statunitense, provocato da un infelice autogol di Zaccardo che ha svirgolato malamente un rinvio, De Rossi ha perso la testa, e in un contrasto aereo ha allargato le braccia colpendo violentemente un avversario con il gomito. Tra l'altro sotto gli occhi dell'arbitro, che non ha potuto far altro che espellerlo.

Il gesto, grave e assolutamente ingiustificabile, è stato criticato unanimamente com'era logico, fatta eccezione per il capitano della Germania Michael Ballack, che ha trovato invece opportuno rilasciare questa dichiarazione:
"Il gesto di De Rossi non è stato bello, ma il calcio è uno sport fisico, di contatto, e i falli belli non esistono. E poi non credo che De Rossi lo abbia fatto apposta. E' una di quelle cose che possono succedere in una partita, quando cerchi di conquistare palla, ma poi alla fine si dimentica tutto".

15 giugno 2006

Buon senso latitante

Ho appena letto su Repubblica.it la notizia dell'arresto di un tizio che ha ridipinto e attrezzato la sua Fiat 500 (il vecchio modello) con i colori e gli accessori di una gazzella dei Carabinieri. L'accusa nei suoi confronti è stata di "violazione del divieto dell'uso di segni distintivi delle forze di polizia".

Ora, dal momento che è ben difficile confondere la 500 di questo collezionista con una delle macchine in dotazione all'Arma, avrei potuto capire se gli avessero intimato di non circolare (l'auto era parcheggiata di fronte ad un bar), o al limite se lo avessero multato, ma arrestarlo mi pare veramente eccessivo...!

Disavventure metropolitane

...O per meglio dire, "disavventure *sulla metropolitana*"!

Stamattina sono arrivato sulla banchina della metro A alla stazione Termini nel momento in cui una metro stava per partire. Dire che era stracolma era poco: le persone erano stipate fino alle porte in tutte le carrozze, ed era oggettivamente impossibile entrare.

Così ho desistito, e ho aspettato la metro successiva. Quando è arrivata, più di cinque minuti dopo, la banchina si era riempita nuovamente per cui la gente per entrare ha iniziato a spingere. Io, sospinto dalla marea umana, mi sono trovato davanti alle porte di una vettura, e mentre cercavo di farmi largo per entrare le porte si sono chiuse improvvisamente schiacciando il mio portapranzo che era rimasto in mezzo.

Risultato: il contenitore che era all'interno si è aperto, e il contenuto si è riversato nel portapranzo. E visto che notoriamente sono molto fortunato, oggi ho portato mozzarella e insalata. Vi lascio immaginare le conseguenze...

14 giugno 2006

Altezza mezza bellezza?

E' un detto abbastanza diffuso, ma sono sicuro che tutti quelli che la pensano in questo modo sarebbero pronti a riconsiderare la propria opinione di fronte a eccezioni (splendide) come quella rappresentata nella foto, nonostante il suo metro e sessantadue.

PS: Questo bellissimo primo piano è preso dalla cerimonia degli ultimi MTV Movie Award.

11 giugno 2006

Ricordi veneziani

Vi ero debitore delle foto che ho scattato durante il weekend trascorso a Venezia con la mia metà... Cliccando qui potete vederne alcune (poche per ora, causa la consueta mancanza di tempo libero necessario per riordinarle, "aggiustarle" e metterle in rete), e cliccando qui potete visualizzare le stesse in sequenza (quelli fighi userebbero il termine slideshow ;)).

PS: Tempo fa avevo parlato di un mio cambio di look: bè, in questa foto potete vedermi con il pizzetto, anche se oramai solo nella foto, perchè a detta di tutti il risultato non era granchè... Ho la barba troppo rada, e quindi dopo averlo tenuto per un pò ora sono tornato "pulito" come prima. :)

10 giugno 2006

Il bello delle donne

Se c'è un cosa che invidio alle donne è la possibilità di sfoggiare nell'abbigliamento e negli accessori cose molto sfiziose e colorate, mentre noi maschietti, fatte alcune eccezioni, siamo in genere costretti ad una grigia monotonia.

Prendiamo ad esempio le borse: quella dell'uomo è un classico, il borsello oppure la ventiquattr'ore. Sì, ce ne sono di vari tipi, di pelle e non, di vari colori (ma sempre e comunque scuri e un pò tristi), però alla fin fine quelli sono. La borsa delle donna invece può assumere tutte le fogge e dimensioni, e alcune sono davvero simpatiche. Come questa della foto, che aveva una ragazza che ho incrociato qualche giorno fa sulla metropolitana: un Maggiolino rosa, con tanto di taschino al posto del portabagagli!

04 giugno 2006

Parco Leonardo

Ieri, approfittando del fatto che questo weekend ha un giorno in più, siamo andati a visitare il centro commerciale Parco Leonardo. Si vanta di essere il più grande centro commerciale d'Italia... bè, non so se sia realmente così, ma dire che è impressionante è poco: è sviluppato "solo" su due piani, ma sono talmente vasti che non si vede mai l'affollamento tipico di questi posti. E noi ci siamo andati di sabato, che di solito è uno dei giorni in cui l'affluenza è maggiore.
All'interno, tra i numerosissimi negozi (circa 210!) c'è un megastore di elettronica e informatica su due piani (con tanto di ascensore interno grande abbastanza da accogliere anche un carrello!), e un ipermercato (Auchan) che occupa circa 13000 metri quadri!

E se tutto questo dovesse bastare, accanto al centro commerciale c'è quello che chiamano il "Palazzo del divertimento": una struttura di oltre 30000 metri quadri che contiene un cinema con 24 sale (il più grande in Italia, con oltre 6000 posti complessivi), un bowling a 16 piste, sala giochi, slot machine, sala scommesse, biliardi, discoteca, bar e una grande sala bingo.

Inoltre, per rendere il posto più facilmente raggiungibile, sulla linea ferroviaria che va da Fara Sabina all'aeroporto di Fiumicino è stata creata addirittura una fermata situata proprio di fronte ad uno degli ingressi del centro commerciale. Questa linea poi è una specie di metropolitana di superficie perchè i treni (comodissimi, e addirittura con l'aria condizionata!) partono circa ogni 20 minuti, ed è ben collegata con la linea B della metro.

Una vera gioia per gli occhi, insomma... Un pò meno per i portafogli, messi a dura prova in questo tempio del consumismo! :)

30 maggio 2006

S'incontrano certi soggetti!

La mattina, un pò a causa del sonno, un pò per il fatto che il dover affrontare il viaggio verso il mio posto di lavoro non è esattamente piacevole, non sono proprio di buon umore, per cui di personaggi spassosi come quello che ho incontrato oggi ce ne vorrebbe uno al giorno!

Scena: sono nello spazio antistante le porte, già parecchio affollato, quando il treno si ferma ad una stazione ed entrano altre persone, una delle quali si piazza alle mie spalle con una valigetta di generose dimensioni. Il tipo poggia la valigetta a terra, ma non appena il treno riparte gli squilla il cellulare. Allora riprende la valigetta, annaspando per non cadere, e tira fuori il telefono. Risponde, ma dopo un pò arriviamo in una zona dove non c'è copertura.
Tipo: "Pronto... PRONTO?!?!"
(Mmm... mi sa che non si è reso conto che sta parlando da solo)
Tipo: "ME SENTI?!?!?"
(No, non se n'è reso conto!)

Dopo un pò il telefono squilla di nuovo. Il tipo risponde.
(Ora avrà capito che era caduta la linea...)
Tipo: "Aho, ma io te stavo a parla' e tu 'n mme rispondevi!"
(No, direi di no! ;))

29 maggio 2006

It's just another monday

Dopo un rilassante weekend, in cui con la mia metà ho visto questa commedia (che non è niente di eccezionale, ma fa passare una piacevole ora e mezza, per cui ne consiglio la visione ai romanticoni che leggono il mio blog!), ricomincia la settimana lavorativa...
Ormai da un pò di tempo la domenica sera mi prende la sindrome del bambino che va a scuola: sarei pronto a inventarmi qualunque scusa per non dovermi alzare la mattina dopo all'alba! :) Poi però prevale il senso di responsabilità, e con l'aiuto di un'abbondante dose di caffè mi faccio forza e mi avvio verso la stazione...

Buona lunedì a tutti!

26 maggio 2006

Aria in scatola

Pensavate che l'idea di vendere l'aria in scatola potesse venire solo a qualche personaggio dei fumetti o dei cartoni animati? Beh, vi sbagliavate!
Come potete leggere in questo articolo di Repubblica, una catena di negozi giapponesi, la 7-Eleven, ha commercializzato delle bombolette che contengono ossigeno al 95%, da inalare per respirare un pò di aria pura anche nelle metropoli dove la concentrazione di smog è molto alta.

Le bombolette vengono prodotte in due versioni, menta forte e pompelmo, e sono vendute al prezzo di 600 yen, equivalenti a circa 4 euro.

E se pensate che questa iniziativa sia destinata al fallimento, vi sbagliate ancora: leggo dall'articolo di cui sopra che "solamente nel primo giorno di commercializzazione sono state vendute oltre 3000 lattine"!

25 maggio 2006

Dio lo benedica...

...chi ha ideato il condizionatore! :) Perchè senza la sua invenzione probabilmente ora starei boccheggiando, visto che la stanza del palazzo in cui lavoro è esposta al sole per buona parte della giornata! Già prima che arrivasse il caldo di questi giorni l'ambiente era piuttosto arroventato, ma ora senza questa meraviglia della tecnologia sarebbe a dir poco invivibile!

23 maggio 2006

Appunti (telefonici) di viaggio

In Eurostar, tratto Firenze-Roma, chiamando con una scheda TIM o Vodafone in galleria la comunicazione prosegue senza problemi. Con una scheda Wind la comunicazione crolla di schianto non appena il treno entra in galleria!

PS: Tra l'altro con Wind il telefono impiega anche un pò a riagganciare la rete una volta che si è di nuovo alla luce del sole, cosa che non accade con gli altri due gestori. Ma questa potrebbe essere una "peculiarità" del mio cellulare...

18 maggio 2006

Romano turista a Roma

Ieri una mia collega mi ha offerto un passaggio fino alla fermata di un autobus che fa capolinea alla stazione Termini, e nel suo percorso attraversa diverse zone del centro.

Mentre ero sopra e mi godevo l'aria condizionata osservavo il panorama, e mi sentivo come un turista... sì, perchè ci sono dei bellissimi punti di Roma che non vedevo da anni! L'isola Tiberina, Piazza Venezia... quanto tempo è che non passavo da quelle parti? E guardando fuori dai finestrini riflettevo sul fatto che è proprio vero che spesso andiamo a cercare luoghi esotici o mete lontane quando abbiamo tanto da vedere (e che merita di essere conosciuto o riscoperto) dei luoghi dove viviamo!

16 maggio 2006

L'estate all'improvviso

Sembra che nei giorni scorsi l'avessero annunciata, ed ora è arrivata: un ondata di caldo farà salire le temperature a partire da oggi. A Roma sono previsti 26 gradi, e a Milano addirittura 28! :O

13 maggio 2006

L'importanza dei backup

Purtroppo ci si pensa sempre quando il danno è successo... Quante volte ci è capitato di commentare le disavventure informatiche capitate ad altre persone, che per manovre errate o per fatalità hanno perduto dei dati importanti, dicendo: "Beh, è colpa loro! Avrebbero dovuto fare una copia di sicurezza!".

Anche a me è capitato di fare appunti di questo tipo, tuttavia non mi sono mai preoccupato di fare un backup dei miei file più importanti, perchè in effetti il caso che possano corrompersi e/o cancellarsi è abbastanza remoto. Sto attento a quello che scarico, ho un antivirus che si aggiorna regolarmente, un anti-spyware, insomma, cerco di cautelarmi dai rischi, almeno i più comuni.

Però ieri è bastata una banalissima interruzione della corrente mentre spegnevo il pc (e quindi mentre XP salvava dei dati) per corrompere il sistema operativo. :( Ho tentato di recuperarlo, ma alla fine ho dovuto formattare la partizione che lo conteneva e reinstallare tutto da capo. Per fortuna i dati erano su altre partizioni, e quindi non ho perso nulla se non il tempo che ho impiegato e dovrò impiegare per rimettere su le applicazioni che usavo, e le varie personalizzazioni. Ma se avessi fatto un'immagine della partizione su cui risiedeva Windows avrei fatto molto prima.

Ormai... varrà per la prossima volta!

09 maggio 2006

Menomale che ci sono i vigilantes!

Metro A, una sera come tante, sono seduto in un vagone già piuttosto affollato. La metro arriva alla stazione di Ottaviano ed entrano (molte) altre persone, tra cui due zingarelle. Occhio e croce avranno 15-16 anni, una tiene un bambino al collo, l'altra è incinta. Entrambe hanno sul braccio la classica coperta che utilizzano per nascondere le manovre che servono a sfilare il portafoglio al malcapitato di turno.

Prima che la metro riparta si affaccia dalle porte un vigilante (immagino di servizio nella stazione) che indica le zingarelle e con un sorriso (???) grida ai viaggiatori: "Aho, attenti chè queste rùbbeno!". Al che mi sono chiesto: ma non sarebbe stato meglio, oltre che sicuramente più efficace, verificare loro il biglietto ed eventualmente non farle salire per niente?

PS: Puntualizzo che non sono un razzista... avrei pensato e scritto esattamente le stesse cose anche se fossero state due ragazze italiane (o di qualunque altra etnia o nazionalità).

06 maggio 2006

Sull'autobus 892


Indicazione del numero della linea, o pubblicità occulta? :)

04 maggio 2006

Controllori che non controllano

Tempo fa ho parlato di controllori sui treni un pò superficiali... bè, ieri ho avuto un altro incontro ravvicinato con due esemplari di questa specie, ma stavolta non mi è dispiaciuto affatto. :)

Dunque... avrei dovuto rinnovare il supplemento mensile per viaggiare sull'Intercity (che prendo di solito al ritorno), però la mattina non ho fatto in tempo perchè sono arrivato alla stazione che il mio treno stava partendo, e idem la sera, perchè alla biglietteria della stazione Termini c'era una fila mostruosa.
Bè, mi sono detto, gli omini non passano praticamente mai a verificare i biglietti, non può essere che proprio oggi si facciano prendere da un attacco di solerzia e di scrupolosità... E invece, Murphy docet, gli omini sono passati, e per giunta in due!

Così mentre si avvicinavano a me ho cominciato a far lavorare le rotelle per escogitare qualche scusa plausibile. Poi all'ultimo momento, un colpo di genio: con la massima tranquillità ho tirato fuori il portafoglio, l'ho aperto per far vedere l'abbonamento e il supplemento (scaduto). Gli omini però, evidentemente poco attenti, e comunque non insospettiti per il fatto che non ho tradito alcun nervosismo, non hanno fatto caso alla data di validità e si sono allontanati mentre io sfoderavo un gran sorriso! ;)

03 maggio 2006

Ritorno alla realtà

Eccomi qua, tornato al lavoro e alla vita di tutti i giorni dopo aver diviso con la mia metà tre giorni di soggiorno veneziano. Tre giorni a camminare, praticamente, e a girare in lungo e in largo la città e le isole di Murano e Burano... Decisamente faticoso ma bellissimo! Ho ancora negli occhi le immagini dei vicoli affollati di turisti, dei negozi, delle vetrine piene di maschere, di oggetti in vetro di tutti i tipi, e per la maggior parte davvero splendidi!

L'unico aspetto negativo è stato il tempo, piuttosto brutto per i primi due giorni, e nel secondo pure inaspettatamente freddo. Tant'è che noi, partiti con maglietta e giacchetto leggero e nient'altro, temevamo di prenderci un raffreddore o qualcosa di peggio per il vento che tirava. Anche se devo dire che nella sfortuna di non aver trovato il sole siamo stato fortunati, perchè non ha piovuto quasi mai.

...Eh, Venezia, ci mancherai, ma prima o poi torneremo a trovarti! :)

28 aprile 2006

Venezia, stiamo arrivando!

Finalmente ci siamo! Il trolley nuovo fiammante è già quasi pronto, stasera finisco di mettere le ultime cose e domattina si parte!

Dovremo fare un'alzataccia, perchè abbiamo appuntamento alle 5.15 con un collega della mia metà che gentilmente si è offerto di accompagnarci all'aeroporto, per non farci lasciare la macchina al parcheggio per tre giorni, ma ne varrà sicuramente la pena! Venezia aspettaci, stiamo arrivando! :)

25 aprile 2006

Piccoli piaceri

Piccoli piaceri di uno strano (o meglio, inconsueto) giorno festivo in mezzo alla settimana: alzarsi insolitamente tardi, indugiare nella toilette più del necessario, fare una passeggiata nel mercatino settimanale girando pigramente tra le bancarelle, mangiare take-away al ristorante cinese, fare un riposino dopo pranzo abbracciati alla propria metà, vedere questo dvd con lei, giocare con questo gioco...

PS: Dimenticavo: iniziare a preparare la valigia per la partenza di sabato prossimo!

24 aprile 2006

Abbonato sulla fiducia

Stamattina ero appena salito sul treno e mi ero seduto come al solito su uno degli strapuntini presenti nello spazio antistante le porte, quando si è avvicinato un omino con la divisa Trenitalia. Mentre collegavo le cuffie al lettore mp3 lo vedevo con la coda dell'occhio in piedi accanto a me, un pò incerto sul da farsi.
Immaginavo che volesse controllarmi il biglietto. Dopo un pò si è deciso.

"Buongiorno. Il suo biglietto, per cortesia...". Io ho preso il portafoglio e gli stavo per mostrare l'abbonamento, ma lui mi ha bloccato, e con un sorriso a 32 denti mi fa: "Ma è abbonato? Allora stia comodo!".

E non è la prima volta che mi capita: di solito basta dire di essere abbonati per evitare ulteriori controlli. D'accordo, la fiducia è una bella cosa, però un pò più di scrupolosità (o di pignoleria) forse non guasterebbe...

23 aprile 2006

Piccoli passi per stare meglio

La Food and Drug Administration americana riporta una serie di piccoli passi da seguire per avere uno stile di vita più salutare. Proviamo a prendere esempio da questo elenco per cambiare le nostre abitudini sbagliate, e magari scopriremo che con poco sforzo possiamo stare meglio! :)

Save the dogs

Dal blog di Keriada ho saputo delle iniziative lanciate dall'associazione "Save the dogs". Non sto qui a raccontarvi di che si tratta; vi invito invece a cliccare sul link e a visitare il loro sito, sicuramente sarà più efficace di quello che potrei scrivere io riassumendo in poche parole.

22 aprile 2006

Segnalazioni varie

Qualche link che ritengo interessante, scovato leggendo "Venerdì" di Repubblica:

Under500, un sito che raccoglie offerte di voli, hotel e pacchetti a prezzi inferiori ai 500 euro. I curatori del sito promettono aggiornamenti quotidiani. Ci sono anche i feed, per visualizzare le offerte direttamente dal proprio aggregatore preferito.

Avete sentito una canzone in un film o in una puntata di una serie televisiva e vorreste sapere chi è il cantante o il gruppo che la interpreta? Cercate su TuneFind e potreste scoprirlo! Sono ben accette le segnalazioni dei lettori per ampliare l'elenco presente sul sito (in inglese).

Chi sta visitando lo stesso sito su cui siete voi? Vi piacerebbe saperlo, e magari farci una chiacchierata, scambiare con lui/lei idee e opinioni? Ora potete farlo grazie a Gabbly! Provate a digitare "http://gabbly.com/" prima dell'indirizzo del sito che volete vedere: si aprirà una finestra in flash sulla parte destra dello schermo, e se ci sono altri gabbler online potrete chattare con loro!

Avete voglia di raccontare la vostra esperienza di blogger? Spiegare i motivi che vi hanno spinto a mettere in rete i vostri pensieri, le vostre sensazioni e leggere i racconti di altre persone che hanno fatto lo stesso? Potete farlo su Vita da blogger. Un blog, ovviamente... :)

PS: Questo è IL POST NUMERO 100! Un grandissimo grazie a tutti quelli che mi sono venuti a trovare finora, agli amici che mi seguono fedelmente ma anche a chi è passato di qui senza lasciare un commento... Un forte abbraccio a tutti!

19 aprile 2006

People watching

Quando sono sul treno, una delle mie attività preferite è quella di osservare le persone che mi stanno intorno. A volte lancio solo degli sguardi, altre volte invece mi soffermo a guardare e a immaginare quali storie ci siano dietro i loro visi, che professione facciano, se sono dei pendolari come me o se invece è la prima volta che salgono su un treno quando il sole deve ancora sorgere.

E mi capita di scoprire delle cose che mi lasciano assolutamente sopreso: ad esempio il fatto che ad un volto corrisponda una voce totalmente diversa, che a sentirla sembrerebbe appartenere ad un'altra persona.

Come il tipo che vedo tutte le mattine, da un pò di tempo a questa parte: assomiglia davvero molto a Robbie Williams, fisico a parte forse, perchè è un pò più magrolino. Ma la prima volta che l'ho sentito parlare... bè, avrebbe potuto tranquillamente doppiare Ricky Memphis! Lo stesso timbro, e soprattutto un accento romanesco pesantissimo! ;)

18 aprile 2006

The day after

Come va dopo le consistenti abbuffate pasquali? Io devo dire che non ho esagerato, anzi, mi sono piuttosto contenuto, fatta eccezione per un consumo di cioccolata decisamente superiore alla norma. :) Ma in effetti non sono mai stato un ghiottone, per cui è difficile che faccia stravizi a tavola.

Per chi come me è dovuto tornare alle consuete attività lavorative, consiglio di riprendere il ritmo con un pò di tranquillità: cerchiamo di non farci subito sopraffare dalle cose da fare, nei limiti del possibile! E consoliamoci con il fatto che questa settimana sarà più corta del solito... :)

14 aprile 2006

Buona Pasqua!

Finalmente è arrivato questo lungo weekend di Pasqua! Avete già organizzato qualche gita, una scampagnata? O come il sottoscritto trascorrerete queste giornate con i vostri parenti in casa, a riposare (e a mangiare!) un pò più del solito? In ogni caso tanti auguri a tutti! ;)

UPDATE: Questo è l'uovo che mi ha regalato la mia dolce metà... è quasi un peccato romperlo per mangiarlo, perchè è davvero bello! Però non credo che resisterò a lungo senza assaggiarlo... :)

13 aprile 2006

La pecorella di zucchero

Con l'avvicinarsi della Pasqua mi è tornato in mente, non so come, questo dolce che mi riporta immediatamente all'infanzia... :) E mi chiedevo: esiste ancora? Perchè non si vede più in giro, almeno dalle mie parti. Nelle pasticcerie in questo periodo è un trionfo di uova di tutte le dimensioni, e per lei invece, povera pecorella, neanche più un angolino! Eh già, mi sa quelli della mia generazione sono cresciuti e nel frattempo la sua specie si è estinta...

11 aprile 2006

Live from Culonia

E così oggi ho iniziato a lavorare sul progetto di cui parlavo qui. D'accordo che devo vedere il bicchiere mezzo pieno, ovvero che imparerò cose nuove e farò nuove esperienze. E poi ho il vantaggio di conoscere già alcune delle persone con cui lavorerò perchè sono miei colleghi.

Però c'è anche l'altro mezzo bicchiere: il posto in cui è situata la società è veramente infelice, nel senso che oltre a non essere facilmente raggiungibile con i mezzi, intorno, fatta eccezione per un baretto e un paio di negozi, c'è più o meno il nulla. E poi si lavora su turni, uno dei quali va dalle 7.30 alle 16.30. E per finire capita periodicamente di dover fare delle attività anche di sabato e di domenica (fortunatamente non tanto spesso: una settimana ogni sette, otto).

Questo e quanto... ronf...

10 aprile 2006

Cambio di look

L'ho pensato più di una volta ma non l'ho mai fatto, ma ieri mi sono deciso: ho tagliato la barba (come sempre) ma ho lasciato il pizzetto! D'accordo, chi mi conosce personalmente in questo momento starà probabilmente sghignazzando. Per gli altri, per far capire il perchè delle sghignazzate, aggiungo che di peluria non ce n'è un granchè, quindi non so come sarà l'effetto risultante quando quel poco che c'è sarà cresciuto.

Il problema è che Madre Natura si è divertita a concentrare la maggior parte della mia pelosità nella parte inferiore del corpo, e in particolare... ahem... sul posteriore (non ridete!!!), lasciando praticamente glabro il resto. Sul viso la presenza di peli è un pò... a macchia di leopardo, macchie per giunta non molto folte, da cui i miei dubbi sul risultato di questo tentativo.

Vi rimando ad un aggiornamento nei prossimi giorni, che potrebbe (dico, potrebbe) anche essere accompagnato da una foto se uscirà fuori qualcosa esteticamente non imbarazzante. :)

UPDATE: Spero che un certo prurito nella zona durante la crescita pilifera sia normale...!

Il rompicapo più difficile

Brevissima segnalazione per questo rompicapo, che l'autore vanta essere il più difficile esistente in rete. Non so se sia effettivamente così, ma posso assicurarvi che di sicuro non è facile, per niente!

Per la cronaca l'ho provato stamattina e al momento sono arrivato al quarto livello. Se volete provate anche voi (senza cercare aiuti sul forum del sito, però, se no non vale!), e fatemi sapere dove siete arrivati!

06 aprile 2006

Vivere per lavorare...

...o lavorare per vivere? Io non ho alcun dubbio nello scegliere, nei limiti del possibile, la seconda possibilità. Ed è una scelta sempre più condivisa, stando a questo interessante articolo pubblicato da Repubblica.

Nel testo vengono analizzati i risultati di alcune ricerche americane e italiane, dalle quali emerge che negli ultimi dieci anni tra i lavoratori si sta diffondendo la convinzione che sia più importante il tempo libero, il recupero dei propri spazi, dei rapporti personali, piuttosto che la corsa all'avanzamento in carriera e al denaro. Ci si è resi conto che l'affermazione nel mondo del lavoro porta spesso come conseguenza all'allontamento dalla famiglia e dagli affetti, e che una buona posizione nella gerarchia aziendale non ripaga della mancanza di tempo da poter dividere con le persone che si amano.

Certo, capita che questo desiderio rimanga tale perchè non tutte le aziende sono disposte a venire incontro ai propri dipendenti. Spesso la richiesta di avere orari che si avvicinino alle proprie esigenze o quantomeno una certa flessibilità, talvolta anche quando questo sarebbe possibile senza particolari sforzi, viene negata perchè si punta unicamente a massimizzare i profitti e non a recuperare un minimo di umanità nel rapporto con le persone. Persone che vengono tristemente considerate solo delle "risorse"...

05 aprile 2006

Afte hour

Puntuale come la dichiarazione dei redditi o la scadenza della rata del mutuo (per chi la deve pagare), per me è scattata l'ora delle afte. In pratica sono delle piccole ulcerazioni che si formano nel cavo orale, dovute a varie cause tra cui allergie a determinati alimenti, affezioni batteriche, affaticamento fisico e mentale o - come nel mio caso - stress.

Nel tempo ho provato varie soluzioni: colluttori, da quelli più blandi ad alcuni anche piuttosto forti, pomate e cremine varie, un pò di tutto, insomma. Inutile dire che i risultati sono stati sempre scarsi... Dopo un certo periodo le afte si riducono di dimensione per poi andare via così come sono comparse. Periodo che può durare alcuni giorni, come anche un paio di settimane, a volte.
Nel frattempo devo stare attento a non urtarle con lo spazzolino quando lavo i denti, e a non farci andare cibo o bevande calde perchè di fatto sono come una ferita aperta, e quindi molto sensibili.

Se qualcuno di voi ne soffre o ne ha sofferto ed ha trovato un rimedio efficace, me lo faccia sapere, gliene sarò estremamente grato! :)

04 aprile 2006

Col camper sul fiume

Avevo già letto entusiastici racconti di viaggio a riguardo, ed ora un articolo pubblicato sull'ultimo numero del "Venerdì" di Repubblica mi ha fatto venire voglia di scriverne qui. Sto parlando delle houseboat: piccole imbarcazioni arredate ed attrezzate di ogni confort, dalla cucina ai divani che si trasformano in letto, dai servizi dotati di lavabo, wc e doccia al riscaldamento e all'acqua corrente fredda e calda. Insomma, delle vere e proprie case galleggianti che possono essere guidate senza patente e pur non avendo alcuna esperienza precedente.

Leggo dall'articolo del Venerdì: "Al momento del noleggio viene fatta una breve lezione e fornita una guida alla navigazione con una mappa dell'itinerario in cui sono indicati i punti dove ormeggiare e rifornirsi di acqua, le chiuse e le distanze tra le varie tappe. La velocità di crociera è di circa 8-10 chilometri orari e viene consigliato di navigare 4-5 ore al giorno coprendo una distanza di 30-40 chilometri.
L'house boat è adatta a tutti, anche alle famiglie con bambini e ai proprietari di animali (solitamente ospitati con un piccolo supplemento)."


I prezzi del noleggio non sono proprio bassi, a dire il vero, però dividendo la spesa tra due coppie (o due famiglie) si arriva a spendere una cifra abbastanza abbordabile.

Se vi siete incuriositi e volete di saperne di più potete cominciare col dare un'occhiata ai siti di cui riporto il link qui sotto. Magari vi viene voglia di organizzare la vostra vacanza estiva in questo modo "alternativo"! :)

Loft Studioviaggi
La Scatola Blu
Rendez Vous Fantasia
Houseboat Holidays Italia

02 aprile 2006

Pronti alla partenza!

Anche se manca ancora quasi un mese, già non vedo l'ora che arrivi il 29, che è il giorno in cui con la mia metà partirò per Venezia! Ho trovato sia il volo (con Ryanair) che l'albergo tramite Internet, e tutto insieme è venuta fuori una cifra intorno ai 310 euro, di cui 140 circa di aereo e 170 per l'hotel.

Saranno solo tre giorni, ma sarà comunque un'ottima occasione per staccare un attimo la spina visto che dallo scorso agosto non ho preso neanche un giorno di ferie. E poi ho proprio voglia di visitare questa bellissima città. In realtà ci sono già stato, ma quando frequentavo il liceo in gita con la scuola, e si sa che in quelle situazioni si bada a tutto tranne che al posto in cui ci si trova. :) Anche lei c'è stata con alcune sue amiche, ma anche il suo viaggio risale ad una quindicina di anni fa, quindi è un ricordo abbastanza lontano.

Oggi siamo andati a cercare una valigia abbastanza piccola da poter essere portata a bordo come bagaglio a mano, anche perchè per tre giorni ci basta un cambio ciascuno e la biancheria, quindi era inutile partire con qualcosa di più grande. Abbiamo trovato il trolley della foto di Fergi, il più piccolo dei tre, in offerta a 19 euro (non di questo colore terrificante, per fortuna! L'abbiamo preso blu scuro). Neanche a farlo apposta le dimensioni arrivano quasi precisamente al limite consentito da Ryanair!

Comunicazione di servizio

Con tutta probabilità da martedì prossimo andrò a lavorare per conto della mia società presso un cliente la cui sede si trova a Roma in un posto decisamente scomodo da raggiungere con i mezzi. Inoltre, e qui è il motivo di questo post "di servizio", sembra che ai consulenti esterni non sia data la possibilità di accedere ad Internet, il che mi renderà molto difficile aggiornare il blog, almeno con la frequenza con cui ero abituato finora.
Altrettanto difficile sarà per me visitare i blog e i siti amici, lasciare commenti, insomma, tutte quelle cose che rendevano più piacevole e un pò meno pesante la mia giornata finora.

Spero che comunque continuerete a venire a trovarmi qui... :) Io sarò meno presente, ma ci sarò sempre!

UPDATE: Sembrerebbe che lo spostamento è stato rinviato alla prossima settimana.

31 marzo 2006

L'IPod sulla spiaggia

Finalmente la primavera sembra sia arrivata (anche se in verità in certe zone d'Italia oggi piove...), e con essa le belle giornate e la voglia di stare all'aperto.

Per i fissati dell'IPod, o più in generale di quegli aggeggi che permettono di avere la musica preferita sempre con sè, LifePod propone delle custodie o borse che hanno la duplice funzione di contenitori e di casse, consentendo così di condividere il piacere dell'ascolto con chi è insieme a noi.

Tra le tante che si possono vedere sul sito c'è anche la classica borsa termica, per avere oltre alla musica anche le bevande preferite sempre fresche! :)